martedì 29 agosto 2017

Recensione di "L come libro" a cura di Walter Gatti

L come libro
A cura di Walter Gatti

Formato: Brossura
Pagine: 224
Editore: ABEditore


Giudizio sintetico

Cosa hanno in comune Patti Smith e Michail Bulgakov? Vladimir Nabokov e i The Police? Eros Ramazzotti ed Herman Hesse? Ernest Hemingeay e i Metallica?
Tutti sono grandi artisti, maestri di note o parole,  collaboratori immaginari capaci di unire letteratura e rock, romanzi e dischi in vinile, case discografiche e versi poetici.
Se dovessero chiedermi quale esempio affiora nella mia mente che unisca letteratura e musica, sicuramente penserei a “Il gatto e la volpe” di Bennato, brano ispirato al capolavoro di Collodi “Pinocchio”.
Ma sapevate che Bennato si è ispirato ancora alla letteratura per altri brani? Che la canzone e l’album di Bennato sono diventati un musical nel 2016?
Queste cose le ho scoperte grazie al libro edito ABEditore… .

In  “L come Libro”, Walter Gatti, in collaborazione con A. Berni, G. Gatto, L. Franceschini, F. Leali, D. Palummo e F. Verno,  sottolinea il debito di riconoscenza che molti artisti hanno nei confronti della musica, di  quegli  autori che, in un passato più o meno recente, hanno donato scritti e parole capaci di fondersi perfettamente con le note da essi create, canzoni divenute icone di diverse epoche e cantate da intere generazioni in ogni parte del mondo.
Attraverso un’analisi veloce ma dettagliata, in questo libricino pubblicato da ABEditore, si scoprono piccoli mondi, curiosità, verità uniche di fusione tra armonia scritta e cantata.

In “Rample On”, per esempio, i Led Zeppilin prendono ispirazione dalla creazione fantastica di R.R. Tolkien “Il Signore degli anelli”, citandone personaggi e situazioni:

La mia è una storia che non può essere raccontata, la mia libertà la tengo cara
Come anni fa, in tempi antichi, quando la magia riempiva l’aria
Era nelle oscure profondità di Mordor, ho incontrato una ragazza così bella
Ma Gollum, e il maligno, si sono insinuati e sono scappati via con lei

Le 219 pagine di questo libro sono fitte di esempi come questo, 100 per la precisione, selezione  che spazia, con mano attenta, da romanzi a  libri, poesie, poemi, scrittori e scrittura.
Spesso aperti da una spiegazione che mostra  al lettore una panoramica sulla storia del cantante, Walter Gatti e gli esperti che hanno collaborato a questo scritto, sottolineano la relazione tra libri e canzoni in modo rapido ma davvero interessante.
Un libro per intenditori di musica e romanzi, capaci di apprezzare il nesso che unisce autori di diversa estrazione, musicale e letteraria, intonati e coesi nel significato più o meno evidente delle note.
Metallica, Beatles, Pink Floyd ma anche Battiato, De Gregori e Vasco Rossi… .
Rivelazioni  non epocali ma accuratamente illustrate,  un’interessante faro puntato su due simboli, spesso visti ai poli opposti della quotidianità delle persone, unite dal filo sottile che li lega.
In un anno che ha visto consegnato il premio Nobel per la letteratura a Bob Dylan, una connessione di questo tipo è necessaria al fine di comprendere e può aiutare nell’analisi del significato, aprendo al lettore riflessioni diversificate ma motivate.
Un’ottima occasione per allargare orizzonti musicali e letterari unendoli in una sinfonia di maestri di parole e di note.
Il consiglio è di leggere questo libricino a piccoli bocconi per apprezzarne il contenuto e  lasciarsi trasportare nella lettura, magari con il sottofondo delle note citate.






Letto e recensito da